Sono solo storie

...Forse queste son solo immagini, illusioni, racconti o metafore.
Echi che giungono da ogni tempo e colti al volo.
O forse no.

17 gennaio, 2018

SUCH SWEET NOTHING

Pare ci sia sempre una ragione, per ogni cosa che accade.
Per ogni incontro che facciamo.

Sono in grado di individuare queste ragioni in molti casi.
Ma non con te.

Nessuno mi aveva mai trattato così.
Nessuno mi aveva mai preso, tirato nella propria vita, tenuta stretta stretta e, poi, buttata via.
Come un giocattolo rotto.

Avevo bisogno di questo dolore? No davvero.
Cosa mi hai dato? Niente.
Mi hai solo tolto serenità, gioia, equilibrio.

 Avevo affrontato tutti i miei precedenti dispiaceri; mi ero faticosamente rimessa in piedi.

Avevo ricostruito tutto e gioivo delle cose belle che ero andata a prendermi col solo coraggio e forza di volontà.
Poi sei arrivato tu. 
Hai bussato forte alla mia porta. Abbiamo iniziato: ed io avevo paura.

Ma ho preso tutto il coraggio che avevo ed ho provato.
Poi, hai iniziato a chiudere le finestre su di te.
E a me, mancava l’aria.
Io…non ero abbastanza degna di essere conosciuta?
C’è voluto poco, ovviamente, perché tutto scivolasse via.

Vorrei solo dimenticare.
Mi dicono che dovrei comunque conservare il bel ricordo del sentimento che abbiamo vissuto.
Ma qual è questo sentimento? Come si può davvero pensare che senza condivisione possa nascere un amore?
Non riuscirò mai a capirlo. 
Ed in questo si mostra tutta la nostra distanza.

Sia chiaro, non vedo cattiveria nelle cose che sono accadute.
Non l’ho pensato nemmeno per un attimo.

Ma paura si, ne vedo tanta.

Di approfondire, di conoscere, di aprirsi, di rischiare, di costruire.

E così metti in condizione anche gli altri, di temerti. 
Di doversi proteggere.

Quanto mi dispiace.


Ma non posso fare niente.